“Il suo bambino non sopravvivrà.” Nessun genitore in attesa di un figlio vorrebbe sentire queste parole. Chiedete a Louise Adams e a suo marito Jakk. Loro lo sanno bene.

A Louise le acque si sono rotte alla 22° settimana di gravidanza. I medici sono stati costretti a dirle che le possibilità di sopravvivenza del bambino erano del 5%.

Facebook / Louise Amanda Adams

Facebook / Louise Amanda Adams

Le acque si erano rotte prima della 24° settimana di gravidanza, quindi i medici non potevano fare nulla per salvare il bambino. Ma Louise e Jakk si sono rifiutati di arrendersi.

-Tutto quello che riuscivano a fare era tenermi d’occhio e aspettare che abortissi, il che sarebbe successo nel giro di qualche giorno secondo i medici. Ma io sentivo Joseph scalciare. Non riuscivo a starmene seduta senza far nulla.

La coppia ha iniziato a cercare dei modi per salvare la vita del figlio. Alla fine si sono imbattuti nelle storie di altre madri che avevano aiutato i propri bambini a sopravvivere bevendo 4 litri di acqua al giorno.

L’acqua avrebbe aiutato a ripristinare il liquido amniotico, permettendo al bambino di continuare a crescere.

Facebook / Louise Amanda Adams

Facebook /
Louise Amanda Adams

-Più la mamma beve, più beve e urina il bambino, spiega Louise. L’urina è una componente importante del liquido amniotico nella seconda metà della gravidanza, quindi bere più acqua avrebbe davvero fatto la differenza.

Detto fatto. Loiuse ha iniziato a bere 4 litri di acqua al giorno per 13 settimane, e il piccolo guerriero, Joseph, ha continuato a crescere. Louise beveva anche del succo di mirtillo e mangiava chiodi di garofano freschi perché aveva letto che servivano a combattere le infezioni.

Nonostante i suoi sforzi, i medici continuavano a ripetere che il bambino non ce l’avrebbe fatta.

-Mi dicevano che non esisteva abbastanza ricerca in merito, e che probabilmente non avrebbe fatto alcuna differenza. Ma io non avevo niente da perdere, ha detto Louise.

Facebook / Louise Amanda Adams

Facebook / Louise Amanda Adams

Dopo mesi di attesa e di speranza, il bambino è finalmente nato, contro tutte le aspettative dei medici. E deve solo ringraziare la sua mamma.

Che ne pensate della scelta di questa mamma – ha davvero aiutato Joseph a sopravvivere?

via Incredibile