Comunicare ai bambini l’importanza di ringraziare, chiedere “per favore” o dire “buongiorno” va ben altre un semplice gesto educativo. Stiamo investendo nelle emozioni, nei valori sociali e, sopratutto, nella reciprocità.

Per creare una società basata sul rispetto reciproco, dove la civiltà e le considerazioni fanno la differenza, dobbiamo investire in quelle piccole abitudini sociali alle quali a volte non attribuiamo la dovuta importanza.

Perché la convivenza è alla fine basata dell’armonia in queste interazioni di qualità basate sulla tolleranza, in cui tutti i bambini dovrebbero essere avviati in anticipo.

Un errore che fanno molte famiglie fanno è di iniziare i bambini in questi standard di cortesia quando i bambini iniziano a parlare.  Che ci crediate o no, possiamo allevare un bambino nei loro valori sin dalla tenera età.

Le sue attitudini sono inaspettate e dobbiamo approfittare di questa grande sensibilità nelle questione emotive.

Ecco alcune piccoli esempi:

– Sei arrivato o vai da qualche parte? Saluta.

– Hai ricevuto un favore? Qualcuno ti ha dato qualcosa? Ringrazia.

– Qualcuno ti ha chiesto qualcosa? Rispondi.

– Qualcuno sta parlando con te? Ascolta.

– Hai qualcosa? Condivide.

– Quando hanno qualcosa? Non invidiare.

– Hai qualcosa che non è tuo? Restituiscono.

– Hai commesso un errore? Scusati.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

via EmozioniFeed