L’inquinamento atmosferico non solo danneggia la nostra pelle o i nostri polmoni: aumenta anche il rischio di anomalie congenite. Uno studio pubblicato lo scorso dicembre in The Journal of Pediatrics ha concluso che l’inquinamento atmosferico è stato associato modestamente con il rischio che tipo di anomalia. L’obiettivo dello studio era di valutare l’associazione tra aumento dell’esposizione a particelle fini sospese nell’aria (PM2,5) durante il periodo di periconcezione (prima e dopo l’insorgenza della gravidanza) con rischio di anomalie congenite. 

Utilizzando i dati del certificato di nascita dal Dipartimento della Sanità dell’Ohio (2006-2010) e i dati PM2,5 dalle 57 stazioni di monitoraggio dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti. UU. Situato in tutto l’Ohio, le coordinate geografiche della residenza della madre per ogni nascita erano collegate al PM2 più vicino. Sono state calcolate cinque stazioni di monitoraggio e medie di esposizione mensili. L’associazione tra anomalie congenite e aumento dei livelli di PM2,5 è stata stimata, con aggiustamento per i fattori di rischio concomitanti.

Risultati: dopo l’aggiustamento per i fattori di rischio coesistenti, l’ esposizione a livelli elevati di PM2,5 nell’aria durante il periodo di periconcezione è stata modestamente associata al rischio di anomalie congenite.  Rispetto ad altre finestre di esposizione alla periconcezione, una maggiore esposizione durante il mese precedente al concepimento è stata associata ad un maggiore aumento del rischio a distanze più brevi dalle stazioni di monitoraggio. Le più forti influenze di PM2.5 su singole malformazioni sono state riscontrate con difetti della parete addominale, specialmente durante il preconcezione di 1 mese .   

Conclusioni: L’aumento dell’esposizione a PM2,5 nel periodo di periconcezione è associato ad alcuni modesti aumenti nel rischio di malformazioni congenite. Il tempo di esposizione più sensibile sembra essere 1 mese prima e dopo il concepimento.  Sebbene l’aumento del rischio associato all’esposizione alla PM2.5 sia moderato, il potenziale impatto sulla base di popolazione è notevole perché tutte le donne in gravidanza hanno un certo grado di esposizione.  A segnalarci la notizia anche alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

L’articolo Inquinamento: i rischi per la donna incinta che pochi ci ricordano proviene da Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo.