Se avete un bambino piccolo casa, conoscete bene i suoni che producono quando piangono – soprattutto di notte.

Alcuni genitori preferiscono lasciarli “piagnucolare” un po’, mentre altri vanno subito a confortarli. Spesso i bambini piangono perchè sono stanchi, affamati o se si trovano in una posizione scomoda. In altre parole, niente di cui preoccuparsi.

Per fortuna, Monique Ruppel ha capito che c’era qualcosa che non andava quando la figlia Celia non la smetteva di piangere.

-In genere Celia si sveglia una sola volta di notte. Noi cerchiamo subito di farla riaddormentare. Alle 3 di notte di venerdì, la bambina si è svegliata una seconda volta. Ho cercato di raggiungere la sua stanza, ma dopo qualche metro, ho avuto un capogiro e sono collassata al suolo, scrive Monique in un post su Facebook.

Facebook / Monique Ruppel

Facebook / Monique Ruppel

Monique ha iniziato a sentirsi molto male. Il marito di Kyle si è svegliato e anche lui si sentiva molto male.

-Avevamo entrambi le vertigini, mal di testa e ci bruciavano gli occhi, ha scritto Monique.

Facebook / Monique Ruppel

Facebook / Monique Ruppel

Hanno chiamato un’ambulanza e sono stati trasportati in ospedale in elicottero. I medici hanno scoperto che la famiglia aveva subito un avvelenamento da monossido di carbonio.

Tutta la famiglia si è dovuta sottoporre a un trattamento di due ore e mezzo in camera iperbarica. Ora per fortuna stanno tutti bene.

Se quella notte Celia non avesse svegliato i genitori, le cose sarebbero potute finire molto male. Nonostante la sua giovane età, Celia ha salvato la vita della sua famiglia.

Facebook / Monique Ruppel

Facebook / Monique Ruppel

Monique conclude il suo post chiedendo a tutti di controllare che non ci siano fughe di monossido di carbonio in casa. Inoltre, bisogna sempre ascoltare i bambini – sono molto più intelligenti di quanto pensiamo!

via Incredibile