Quando un bambino inizia a entrare nella fase dell’alfabetizzazione, possono iniziare a comparire alcuni segni di difficoltà di apprendimento. Se il bambino comincia a ricevere avvertimenti e lamentele da parte dell’insegnante, piange e urla quando arriva il momento di prepararsi per andare a scuola, nasconde i compiti e si ammala per evitare di andarci, devi fare attenzione. Infatti questi segni possono essere confusi con la mancanza di attenzione, la pigrizia o metodi inadeguati.

In primo luogo, è importante capire che la dislessia non è una malattia, ma un disturbo neurologico con eredità genetica. I sintomi variano e questo disturbo ha diverse fasi e trattamenti. Prima lo identifichi meglio è. Per ottenere la diagnosi di solito è necessario consultare professionisti di diverse specialità: psicologi, neuropsicologi, logopedisti e psicopedagogisti, tra gli altri. Presta attenzione a questi possibili segni:

  1. Presenta confusione della lateralità (destra e sinistra).
  2. Non riesce a interpretare le lettere dell’alfabeto.
  3. Inverte le lettere quando scrive, le modifica o omette le sillabe;
  4. Cambia le lettere e anche ripetendole non le memorizza.
  5. Ha difficoltà di comprensione nella lettura
  6. Ha difficoltà a mettere insieme le sillabe e memorizzare parole.

È importante ricordare che questi sono alcuni sintomi che è possibile riscontrare ma che non sostituiscono in alcun modo una diagnosi che deve essere fatta da un team di professionisti.

Il trattamento comporta il coinvolgimento di diverse specialità, in quanto ognuna stimolerà un diverso aspetto dell’apprendimento; lo psicologo potrà svolgere attività di stimolazione mentale ed emotiva, il logopedista potrà concentrarsi sull’elaborazione uditiva e lo psicopedagogista si occuperà dell’apprendimento, tra le atre cose.

La dislessia non è una condizione grave, tuttavia può causare disagio nei bambini e farli sentire meno intelligenti. Ecco perché è importante diagnosticarla in tempo e iniziare a lavorare sull’apprendimento specializzato.

via Fabiosa


Questo articolo ha scopi puramente informativi. Non utilizzare automedicazioni e, in ogni caso, consultare sempre un professionista sanitario qualificato prima di utilizzare qualsiasi informazione presentata nell’articolo. Il comitato editoriale non garantisce alcun risultato e non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni che possano risultare dall’utilizzo delle informazioni fornite in questo articolo.