Non sapete più cosa fare per far sforzare i vostri figli? Provate questo! – di Javier Fiz Pérez

La strategia del comando secco spesso ottiene solo ancora meno voglia nei figli e frustrazione nei genitori…

Indipendentemente dall’età che hanno, i figli hanno bisogno di lodi e incoraggiamento per sentirsi bene con se stessi e perché la loro fiducia e autostima aumenti notevolmente.

Perché i bambini sentano che i loro sforzi vengono ricompensati dovranno sentire un incentivo, e così la motivazione apparirà facilmente.

Questo incentivo non dev’essere qualcosa di materiale, visto che le lodi e la buona volontà sono più che sufficienti per promuovere il comportamento positivo.

I bambini devono imparare a sforzarsi in qualsiasi compito, devono capire tutto il bene che offre lo sforzo, assaporare le sfide e comprendere il valore della costanza.

Sfortunatamente, molti genitori vedono nei loro figli bambini e bambine che evitano gli sforzi e si lamentano per qualsiasi cosa che fanno.

Per evitare le lamentele dei bambini bisogna incentivare lo sforzo, ma come? Provate queste idee!

Lodate il loro comportamento. Quando si dice a un bambino ciò che ci piace di lui, saprà qual è il comportamento positivo e si sentirà bene con se stesso.

Lodatelo in modo descrittivo, dicendogli ciò che vi piace esattamente: “Mi è piaciuto molto come hai raccolto i tuoi giochi quando hai finito di giocare”.

Date loro il tempo di cui hanno bisogno. I bambini hanno bisogno di tempo per risolvere i loro problemi.

Non vorrete che facciano le cose più rapidamente di quanto possono solo perché voi avete fretta!

Aiutateli all’inizio. Nessuno nasce imparato, e i bambini hanno bisogno di una guida nell’apprendimento per non sentirsi frustrati.

Devono sapere cosa fare, e bisogna ritirare a poco a poco l’aiuto perché si rendano conto che sanno fare le cose da soli.

Suggerimenti anziché ordini. Aiuteranno i bambini a sforzarsi. In genere, i bambini resistono agli ordini.

Dando loro delle alternative, saranno in grado di scegliere l’opzione migliore per sforzarsi. Ad esempio, si può dire a un figlio qualcosa come:

“Hai bisogno di aiuto per fare i compiti o riesci a farli da solo?” Riceverete una risposta migliore che dicendo: “Mettiti subito a fare i compiti o dopo non potrai giocare”.

Mantenete delle aspettative ragionevoli. I bambini vogliono compiacere i genitori in modo innato, ma dovete essere pazienti e avere aspettative ragionevoli che riflettano la capacità reale dei bambini e forse qualcosa di più, ma non troppo.

Perché i piccoli si sentano motivati e si sforzino, dovranno poter raggiungere ciò che viene proposto loro.

Fonte: Aleteia – Titolo originale: Non sapete più cosa fare per far sforzare i vostri figli? Provate questo!

via Informare per Resistere